Sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS)


Cos'è la sindrome da iperstimolazione ovarica?

La sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) √® una complicanza iatrogena, il che significa che deriva dalla stimolazione delle ovaie basata sul trattamento. Questa rara condizione si sviluppa nelle donne sottoposte a trattamenti di infertilit√†. L'OHSS pu√≤ verificarsi dopo la terapia con gonadotropine, che √® un tipo comune di trattamento per l'infertilit√†. La terapia pu√≤ portare allo sviluppo della sindrome da iperstimolazione ovarica circa 1 o 2 settimane dopo l'ovulazione assistita o il recupero dell'uovo. La sindrome da iper-stimolazione ovarica √® caratterizzata dalla presenza di pi√Ļ cisti ovariche che portano all'ampliamento delle ovaie. Questo √® in linea con l'iperattivit√† delle ovaie, ma in OHSS √® il risultato del trattamento.

Quanto è diffusa la sindrome da iperstimolazione ovarica?

L'incidenza della sindrome da iper-stimolazione ovarica dipende da molti fattori, inclusi i metodi di stimolazione, i fattori di rischio e il concepimento. Lieve OHSS √® visto in pi√Ļ del 20% delle donne sottoposte a stimolazione ovarica. Circa il 7% delle donne √® a rischio di sviluppare una sindrome da iper-stimolazione ovarica moderata, mentre meno del 5% delle femmine sviluppa una OHSS grave.

Tipi di OHSS

La sindrome da iper-stimolazione ovarica è suddivisa nei seguenti tipi, a seconda della gravità.

Mite

Lieve OHSS, è ulteriormente suddiviso in seguenti gradi:

  • Grado 1, caratterizzato da disagio e distensione addominale
  • Grado 2, caratterizzato da disagio, distensione addominale, nausea, vomito, diarrea, ingrossamento delle ovaie

Moderare

OHSS moderato, o grado 3 OHSS, caratterizzato dalla presenza di ascite in aggiunta ai sintomi di cui sopra.

Grave

Severe OHSS, che è ulteriormente suddiviso in seguenti gradi:

  • Grado 4, caratterizzato dalle caratteristiche di cui sopra e difficolt√† respiratorie.
  • Grado 5, caratterizzato da tutti i suddetti sintomi oltre al cambiamento del volume del sangue, aumento dello spessore del sangue, anomalie della coagulazione del sangue e diminuzione della funzionalit√† renale.

Perché si verifica OHSS?

Il rilascio di una cellula uovo, l'ovulazione e il mantenimento della gravidanza in seguito dovrebbe avvenire la fertilizzazione è regolata dall'azione di vari ormoni - ormone luteinizzante (LH) e ormone follicolo-stimolante (FSH) dalla ghiandola pituitaria e estrogeni e progesterone dalle ovaie. L'ormone della gonadotropina (GnRH) dall'ipotalamo agisce sulla ghiandola pituitaria per rilasciare LH e FSH. Questi ormoni stimolano le ovaie a rilasciare estrogeni e progesterone. In caso di gravidanza, la presenza dell'uovo fecondato porta ad un aumento della gonadopropina corionica umana (HCG).

L'intero processo è regolato da meccanismi di feedback. Quando alcuni ormoni sono troppo bassi, l'ormone stimolante si libera in grandi quantità. Quando alcuni ormoni sono troppo alti, l'ormone stimolante viene rilasciato solo in piccole quantità. Questa è una spiegazione semplificata del ciclo mestruale mensile e dei cambiamenti ormonali osservati durante la gravidanza. Tuttavia, in alcuni trattamenti di fertilità, gli ormoni vengono introdotti nel corpo e continuati oltre i livelli "normali".

Questo porta a segni e sintomi noti come sindrome da iperstimolazione ovarica. La terapia ormonale provoca la formazione di cisti all'interno dell'ovaio e la rottura dei follicoli. Alcune sostanze poi rilasciate dalle ovaie fanno s√¨ che i vasi sanguigni locali diventino "leaky" e pi√Ļ fluidi lasciano i vasi sanguigni e penetra nell'addome. Pertanto l'accumulo di liquidi avviene all'interno dell'addome e questo √® noto come ascite. Ci pu√≤ anche essere irritazione del rivestimento interno dell'addome (peritoneo) e questo si traduce in peritonite.

L'allargamento delle ovaie a causa della presenza di grandi cisti, insieme alla distensione dell'addome hanno una serie di effetti come il movimento limitante del diaframma (difficoltà di respirazione) e pressioni sulla vena cava inferiore che porta a una riduzione della gittata cardiaca e della bassa pressione sanguigna. Lo spostamento fluido dal sangue nella cavità addominale porta ad una diminuzione del volume del sangue. Uno squilibrio elettrolitico si presenta con questo spostamento del fluido che può quindi avere un impatto sulla funzione renale. Quando il rene viene compromesso, si verificano altri effetti che influiscono ulteriormente sulla composizione del sangue e sulla funzione cardiaca.

Segni e sintomi

Le donne che ricevono la stimolazione della gonadotropina per indurre l'ovulazione o sottoporsi a una procedura di riproduzione assistita (come fecondazione in vitro o fecondazione in vitro) mostrano segni e sintomi di sindrome da iperstimolazione ovarica moderata o grave già una settimana dopo il trattamento con hCG (gonadotropina corionica umana).

La sindrome di iper-stimolazione tardiva dell'ovaio è solitamente grave e presenta i sintomi circa 2 settimane dopo l'assunzione di hCG durante l'impianto o la gravidanza. La presenza di ascite, la maggiore tendenza alla coagulazione del sangue, la presenza di liquidi nelle cavità corporee, difficoltà respiratorie, insufficienza renale, sangue ispessito e anomalie nei livelli di elettrolita sono segni comuni di OHSS.

I sintomi di OHSS possono includere quanto segue:

  • affanno
  • Disagio addominale
  • Sintomi gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea)
  • Gonfiore
  • letargo
  • Aumento di peso improvviso

Cause e rischi

La causa esatta della sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) non è nota; tuttavia il processo è correlato all'aumento della permeabilità dei vasi sanguigni nella regione attorno alle ovaie. La sindrome da iper-stimolazione ovarica colpisce donne in età fertile. La frequenza di OHSS aumenta in base ai seguenti fattori:

  • Estensione della stimolazione delle ovaie, che sar√† accompagnata da alti livelli di ormone estradiolo e un aumento del numero di follicoli ovarici.
  • Uso di gonadotropine in combinazione con farmaci chiamati agonisti dell'ormone rilasciante gonadotropina (GnRH).
  • Giovane et√† al concepimento.
  • Basso peso corporeo e minore indice di massa corporea (BMI).
  • Presenza di cisti (sindrome dell'ovaio policistico).
  • Precedente trattamento di iperstimolazione o storia di OHSS.
  • Aumento del numero di follicoli piccoli o medi.
  • Alti livelli di estradiolo intorno all'ovulazione.

Test e diagnosi

I seguenti test sono eseguiti per diagnosticare la sindrome da iper-stimolazione ovarica (OHSS):

  • Test di laboratorio: campioni di sangue e / o urine vengono controllati per il livello di ematocrito (che indica la percentuale di globuli rossi), i parametri di coagulazione del sangue, i livelli di hCG e estradiolo, funzioni epatiche e renali e per rilevare l'ispessimento del sangue dovuto all'emoconcentrazione.
  • Test di imaging come l'ultrasonografia possono rilevare l'ingrossamento delle ovaie, la presenza dei follicoli e valutare l'ascite.
  • La radiografia del torace viene eseguita in pazienti che si lamentano di mancanza di respiro.


Il video ad ultrasuoni sopra mostra entrambe le ovaie ingrandite con le cisti.

Trattamento

Il trattamento della sindrome da iperstimolazione ovarica si basa sui sintomi presentati. La sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) può essere prevenuta o limitata regolando attentamente i livelli dell'ormone luteinizzante (LH) e dell'hCG durante l'ovulazione.

medicazione

Gli anticoagulanti (come eparina, lepirudina, desirudina o enoxaparina) vengono somministrati ai pazienti OHSS per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Gli integratori di elettroliti vengono somministrati per via endovenosa per reintegrare il volume del sangue. In alcuni pazienti possono essere somministrati anche componenti del sangue per aumentare il volume plasmatico.

Chirurgia

In una procedura chiamata paracentesi, il fluido delle ascite accumulate nella cavità addominale viene rimosso per ridurre la pressione sul diaframma e sulla vena cava inferiore. Un tubo può essere posizionato tra le cavità polmonari per rimuovere il fluido dalla regione. Un intervento chirurgico precoce in caso di emorragia interna, cisti rotti o ovaie rotte può ridurre le complicanze. Tuttavia, la chirurgia è raramente necessaria.

Misure di supporto

Poiché la sindrome di iper-stimolazione ovarica presenta spesso uno squilibrio elettrolitico, il mantenimento di un'adeguata idratazione è considerato molto importante.
In rari casi di sindrome da iper-stimolazione ovarica grave, si raccomanda il riposo a letto e il mantenimento dell'equilibrio idrico insieme al trattamento medico. La somministrazione endovenosa rapida di una soluzione salina normale viene eseguita per il trattamento dell'ipovolemia.

Terapia intensiva

Per i casi critici di sindrome da iperstimolazione ovarica che presenta insufficienza renale, danno epatico, difficoltà respiratoria e insufficienza multiorgano, i pazienti sono ammessi in unità di terapia intensiva. Le seguenti procedure sono eseguite su tali pazienti:

  • Viene data maggiore ossigenazione.
  • La dopamina viene somministrata per via endovenosa in caso di insufficienza renale per aumentare la pressione sanguigna.
  • Gli anticoagulanti sono dati ai pazienti.
  • Il colpetto pleurico (toracocentesi) viene eseguito per rimuovere il liquido dallo spazio pleurico.

Complicazioni e prognosi

La sindrome da iper-stimolazione ovarica non trattata può causare disfunzione multiorgano e, potenzialmente, la morte. La prognosi nei pazienti che presentano sintomi lievi o moderati di sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS) è eccellente. Tuttavia, i casi gravi e critici di OHSS possono comportare la morte, se non trattati tempestivamente e adeguatamente. Le morti per sindrome da iper-stimolazione ovarica di solito si verificano a causa di shock, squilibrio elettrolitico, emorragia interna e il rischio di un coagulo di sangue che blocca una nave.

Riferimenti :

//www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMH0004549/

//www.mayoclinic/health/ovarian-hyperstimulation-syndrome-ohss/DS01097

//emedicine.medscape/article/1343572-overview

//www.ivf/ohss.html


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">