Effetti collaterali di isterectomia - Procedura, complicazioni dell'anestesia


Gli effetti avversi di qualsiasi terapia dovrebbero sempre essere una considerazione per un paziente come parte del consenso informato per la procedura. L'isterectomia non è diversa e mentre le indicazioni per un'isterectomia possono rendere la procedura necessaria per evitare altre complicazioni, come nel caso del sanguinamento uterino disfunzionale (fare riferimento al sanguinamento vaginale anomalo), un paziente deve essere consapevole delle complicazioni e effetti avversi durante e dopo un'isterectomia.

Gli "effetti collaterali" di un'isterectomia possono non solo essere dovuti alla rimozione chirurgica dell'utero stesso ma anche a causa dell'anestesia. Quest'ultimo è solitamente di breve durata, ma è comunque una considerazione importante per il paziente. L'isterectomia è una procedura chirurgica importante che di solito viene condotta in anestesia generale. Mentre gli anestetici e la farmacologia moderni hanno drasticamente ridotto gli effetti avversi, è ancora una preoccupazione per molti pazienti.

Sottoposti a determinate procedure di isterectomia può portare i suoi effetti collaterali e il medico discuterà questi rischi con te. Altri fattori predisponenti possono solo consentire alcune tecniche che potrebbero renderti più inclini a certe complicazioni attribuite con questa procedura specifica.

Complicazioni durante e subito dopo un'isterectomia

L'isterectomia è un'operazione relativamente sicura, ma sono possibili alcune complicazioni comuni alla maggior parte degli interventi chirurgici più importanti. Questi possono includere:

  1. Sanguinamento eccessivo durante l'intervento chirurgico
  2. Emorragia postoperatoria, che è una delle complicanze più gravi.
  3. Infezione, che è una delle complicanze più comuni. Gli antibiotici sono ordinariamente prescritti dopo l'intervento per ridurre al minimo il rischio di infezioni.
  4. Lesione alla vescica
  5. Infortunio all'intestino, anche se questo è raro.
  6. Lesioni ad altre strutture pelviche.
  7. Complicazioni di anestesia.
  8. Coaguli di sangue nelle vene (TVP) o polmoni (embolia polmonare).
  9. La morte è una complicanza rara durante o dopo un'isterectomia. Potrebbe essere dovuto a emorragia, infezione, altre malattie preesistenti o embolia polmonare derivante dalla TVP. Durante il funzionamento, la morte può verificarsi a seguito di arresto cardiaco, occlusione coronarica o paralisi respiratoria.

Complicazioni e conseguenze successive di un'isterectomia

  1. Esordio immediato della menopausa se le ovaie vengono rimosse. Fare riferimento alle cause di amenorrea secondaria. Sintomi della menopausa come vampate di calore, secchezza vaginale, sbalzi d'umore, aumento di peso e altri sintomi possono essere evitati se la terapia ormonale sostitutiva (HRT) inizia immediatamente dopo l'intervento.
  2. La gravidanza non sarà una possibilità e mentre questo è ovvio, l'impatto a lungo termine di non riuscire a rimanere incinta deve essere preso in considerazione nelle donne più giovani che rientrano nella fascia di età fertile.
  3. Ci può essere una perdita iniziale di desiderio sessuale, ma di solito ritorna dopo il completo recupero dagli effetti della chirurgia.
  4. Rischio di osteoporosi precoce.
  5. Il prolasso del vault può essere una complicazione a lungo termine.
  6. Problemi psicologici, inclusa la depressione, possono verificarsi a causa dell'incapacità di avere figli nelle donne che erano ansiose di rimanere incinte.

Effetti collaterali dell'anestesia durante l'isterectomia

L'anestesia è necessaria durante l'intervento chirurgico in modo che il paziente non senta alcun dolore durante l'operazione. Un medico specializzato (anestesista, a volte indicato come anestesista) gestirà l'anestesia e deciderà su quale forma di anestesia sarà meglio per il paziente. Nelle mani di un buon anestesista, gli effetti collaterali dell'anestesia possono essere minimi, ma possono esserci alcuni effetti collaterali inevitabili o imprevedibili. Nella maggior parte dei casi, l'anestesia è abbastanza sicura, ma in alcune circostanze la reazione dell'individuo ad un agente anestetico potrebbe non essere del tutto prevedibile.

È importante che l'anestesista sia a conoscenza di eventuali allergie, farmaci assunti regolarmente o qualsiasi condizione medica (come l'ipertensione o il diabete) di cui potrebbe essere affetto poiché potrebbero influire sugli effetti dell'anestesia.

Le persone con problemi cardiaci o polmonari, i forti fumatori o coloro che sono in sovrappeso possono essere più a rischio di soffrire di reazioni avverse di anestesia come problemi cardiovascolari o respiratori.

Anche l'età è un fattore che può aumentare i rischi di anestesia. Le persone anziane possono essere più a rischio di sviluppare complicanze dell'anestesia.

Una delle due forme di anestesia può essere utilizzata per l'isterectomia:

1. Anestesia generale (GA).
2. Anestesia regionale (epidurale o spinale).

Gli effetti collaterali di entrambe le forme di anestesia possono includere:

  • Nausea o vomito.
  • Debolezza.
  • Fatica.
  • Cambiamenti di umore
  • Reazioni allergiche a medicine anestetiche.

Anestesia spinale

Con l'anestesia spinale, un paziente ha maggiori probabilità di soffrire di:

  • Una certa quantità di dolore, specialmente intorno all'osso del collo o alla spalla.
  • Mal di testa.
  • Intorpidimento nella parte inferiore del corpo.
  • Raramente, i danni ai nervi durante la somministrazione dell'anestesia spinale possono causare debolezza persistente, intorpidimento o dolore.
  • Infezione, gonfiore o lividi nel sito di iniezione.
  • Se l'anestesia viene assorbita attraverso il flusso sanguigno, potrebbe svilupparsi tossicità sistemica.
  • Il controllo e la coordinazione muscolare possono essere influenzati.

Anestesia generale

Con GA, gli effetti collaterali possono essere -

  • Bassa temperatura corporea (ipotermia) e rigore.
  • L'aspirazione può essere un effetto collaterale non comune di GA. Essere a stomaco vuoto prima della somministrazione di anestesia può prevenire questa complicanza.
  • Tosse o bavaglio durante l'inserimento o la rimozione delle tube delle vie aeree.
  • Spasmo laringeo.
  • Mal di gola o raucedine.
  • Danni a labbra e denti.
  • Attacco di cuore.
  • Ictus.
  • Morte.
Queste ultime 3 complicazioni sono rare con una corretta selezione del paziente e un approfondito controllo preoperatorio.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">