Trattamento per emicrania acuta


Quando si gestisce un mal di testa, il trattamento farmacologico è l'unica parte dell'intero regime. Prima di prescrivere un farmaco, è importante che il medico diagnostichi il paziente correttamente, riveda il risultato del precedente trattamento, superi le opzioni terapeutiche preferite (comprese quelle non farmacologiche), stabilisca un buon rapporto con il medico e rassicuri il paziente a mantenere la sua motivazione e ottimismo.

I medici dovrebbero essere in grado di educare il paziente su come identificare i possibili fattori scatenanti e insegnargli a capire come funzionano i trattamenti (compreso evitare le interazioni farmaco-farmaco e gli effetti collaterali avversi). Il trattamento abortivo (chiamato anche trattamento acuto) viene eseguito quando gli attacchi sono iniziati. Può anche ridurre il disagio, limitare la disabilità e prevenire i sintomi associati come aumento del dolore con movimento, fonofobia, fotofobia, vomito e nausea. Tipicamente, i pazienti ottengono solo un trattamento acuto occasionale per ottenere un sollievo abbastanza rapido. Sembra che il trattamento sia più efficace quando viene avviato mentre il mal di testa è ancora di lieve intensità. Il trattamento immediato tende a causare molte meno reazioni avverse riducendo la probabilità di ricadute.

Trattamento per emicrania acuta

Una volta eseguita una diagnosi accurata, il medico svilupperà un trattamento efficace. Gli obiettivi di un trattamento per il mal di testa sono:

• Evitare l'escalation di mal di testa

• Riduce la durata, la gravità e la frequenza dell'attacco mal di testa

• Evitare l'uso eccessivo di farmaci

• Restituire i pazienti al normale funzionamento

• Ridurre l'invalidità

• Migliorare la qualità della vita dei pazienti

• Educare i pazienti alla gestione della malattia (ad es., Adeguati cambiamenti nello stile di vita, uso attento dei farmaci e prevenzione dell'innesco)

• Utilizzare una cura stratificata (il trattamento giusto, la prima volta), che spesso significa trattare i casi di emicrania grave con farmaci appropriati alla dose giusta.

Il trattamento della cefalea per ciascun paziente può essere unico, in quanto il medico deve considerare la frequenza della somministrazione, i potenziali effetti avversi, lo stile di vita (ad esempio uso di integratori, uso di droghe OTC, consumo di alcol e abitudini alimentari, tra gli altri). Un trattamento opportunamente modificato può aiutare un paziente a ricevere le terapie e le modalità terapeutiche prescritte. Alle pazienti di sesso femminile dovrebbe essere chiesto se sono attualmente in gravidanza o se stanno pianificando una gravidanza nei prossimi mesi, poiché le donne in gravidanza ricevono trattamenti modificati in modo significativo.

La gestione dei pazienti con emicrania richiede terapie specialistiche per l'assistenza acuta, che seguono questi principi di base:

1. Coinvolgere i pazienti nella pianificazione e nella gestione del trattamento per stabilire una solida relazione paziente-medico.

2. Modificare il trattamento per soddisfare i requisiti individuali dei pazienti in base alla gravità della malattia (disabilità) e in base alle risposte di specifici farmaci (inclusi effetti collaterali ed efficacia).

3. Informare i pazienti sulla loro condizione attuale e sulle teorie fondamentali di fisiopatologia che possono aiutarli a comprendere la logica di un trattamento.

4. Quando possibile, utilizzare gli agenti specifici per il mal di testa come trattamento primario, in particolare per i mal di testa più gravi.

5. Scegliere un metodo di somministrazione più adatto alle preferenze del paziente e alle caratteristiche dell'emicrania. Dovresti sapere che i farmaci che bypassano i tratti gastrointestinali, come gli spray nasali e l'iniezione, spesso funzionano più velocemente delle compresse. Sono adatti per il trattamento di vomito e pazienti nauseati poiché le persone con scarse funzioni gastrointestinali tendono ad avere un assorbimento più lento per i farmaci orali.

6. Seguire i pazienti frequentemente e da vicino per contribuire a migliorare l'efficacia del trattamento dando consigli utili, come l'assunzione di farmaci in tempo, evitando l'uso eccessivo di sindromi e la gestione degli effetti avversi del farmaco.

7. Dare ai pazienti un diario di mal di testa (calendario) e chiedere loro di riempirlo ogni giorno e portarlo ogni volta che vanno in visita in ufficio per la revisione. Un diario ben aggiornato può aiutare a monitorare la durata, l'intensità e la frequenza del mal di testa, l'uso di cure acute e farmaci preventivi e cicli mestruali. Il metodo è anche utile per tenere traccia delle disabilità facendo eseguire ai pazienti un test HIT 6 o MIDAS.

Ci sono una quarantina di diversi farmaci attualmente prescritti per i trattamenti acuti di emicrania, tuttavia solo un quarto ha approvato le indicazioni. Alcuni di loro hanno dimostrato scientificamente di trattare l'emicrania clinicamente, mentre altri, sebbene possano essere empiricamente utili, mancano di solide evidenze, dati di supporto o approvazione della FDA. Ovviamente, la scelta di farmaci per una terapia acuta è complessa e richiede più passaggi. Il medico ha bisogno di una buona comprensione delle condizioni del paziente, delle sue preferenze e delle sue caratteristiche di emicrania.

Trattare il mal di testa nel pronto soccorso

Nel pronto soccorso vengono somministrati ai pazienti farmaci per via endovenosa per mal di testa acuto e grave. Se i pazienti hanno mal di testa a tuono o semplicemente il peggior mal di testa che abbiano mai avuto, potrebbe essere necessario eseguire una TC senza contrasto per escludere patologie e emorragia incraniali. In alcuni casi dovrebbe essere seguito da una risonanza magnetica. Se viene diagnosticata positivamente come emicrania e la presenza di ergotteri o triptani non è stata effettuata entro 1 giorno, il paziente viene trattato con triptani intranasali o iniettabili. Inoltre, se i pazienti non hanno assunto farmaci vasoattivi nelle ultime 24 ore, possono essere somministrati steroidi, ketorolac, solfato di magnesio, valproato, difenidramina, prometazina, clorpromazina, metoclopramide e proclorperazina per via endovenosa.

Prevenire il mal di testa da uso eccessivo di farmaci

L'emicrania è considerata una malattia cronica e chi soffre di emicrania disabilitante dovrebbe ricevere terapie preventive di trattamento e modificazione comportamentale.Tuttavia, i pazienti che non ricevono un'istruzione adeguata possono correre il rischio di abusare o di abusare di farmaci per la cura acuta, che possono portare a sindromi da rimbalzo, che si chiama cefalea da uso eccessivo di farmaci.

L'uso eccessivo di farmaci su persone con cefalea acuta può effettivamente causare l'aumento di intensità e frequenza dei sintomi; inoltre può ridurre l'efficacia di farmaci preventivi e triptani. L'uso eccessivo può anche causare dipendenza a lungo termine (ad es. Con spray nasali, triptani, ergot, benzodiazepine, barbiturici e oppiacei) e mal di testa a rimbalzo analgesico. Dopo che il paziente prende i farmaci per l'assistenza acuta per più di due giorni alla settimana, dovrebbero essere diminuiti per vedere se la loro condizione è migliorata.

Episodio: cefalea di tipo tensionale

Attualmente non ci sono farmaci efficaci per il mal di testa da tensione occasionale. Molti pazienti usano farmaci OTC come i FANS, la caffeina, il paracetamolo e l'aspirina. Possono anche assumere farmaci prescritti come i FANS con prescrizione medica, farmaci contenenti butalbital e occasionalmente oppiacei. Questo tipo di mal di testa è solitamente più facile da trattare a meno che non si verifichino troppo spesso, a causa del rischio di uso eccessivo di farmaci.

Emicrania nei bambini

I pazienti di età inferiore ai 18 anni non dovrebbero assumere triptani, anche se le ricerche dimostrano che potrebbe essere sicuro sui giovani con emicrania. Inizialmente, il trattamento dell'emicrania sui bambini è una piccola dose di acetaminofene, o seguita da un FANS OTC, se non è efficace. Un'alta dose di aspirina nei bambini può causare la sindrome di Reye.

Conclusione

La farmacoterapia acuta per l'emicrania dovrebbe essere in grado di fermare i sintomi in modo rapido e coerente. I medici dovrebbero usare la cura stratificata e scegliere la giusta dose di triptani sin dalla prima visita. Una buona risposta è uno stato senza dolore, il che significa che è più probabile che il paziente possa avere uno stato senza dolore per le successive 22 ore. I medici possono scegliere uno qualsiasi dei triptani ad azione rapida (eletripan, almotripan, rizatripan, zomitripan o sumatripan) a una dose massima consentita per i farmaci preventivi, che viene assunto 30 minuti dopo l'insorgenza della prima emicrania. Tuttavia, se non ci sono miglioramenti entro 2 ore, il triptano deve essere assunto di nuovo. Se dopo altre 2 ore non funziona ancora, il paziente deve assumere 4 mg di desametasone, un oppiaceo, un sedativo o una visita immediata al pronto soccorso, dove riceverà un farmaco per via parenterale.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">