Tiroidite di Hashimoto - Malattia della tiroide autoimmune


Qual è la malattia tiroidea di Hashimoto?

Tiroidite di Hashimoto è una malattia della tiroide autoimmune, che è una delle principali cause di ipotiroidismo o funzionamento tiroideo inattivo. La tiroidite di Hashimoto causa ipotiroidismo primario, in cui l'iperattività è dovuta direttamente a un cattivo funzionamento della tiroide, piuttosto che un'interferenza con il meccanismo di regolazione della tiroide-ipofisi. Poiché la tiroidite di Hashimoto è uno dei tipi specifici di malattia autoimmune, la disfunzione deriva dal sistema immunitario "attaccando" la ghiandola tiroide, quando i linfociti penetrano nella ghiandola tiroidea e causano un'infiammazione significativa. Questa malattia autoimmune della tiroide colpisce più donne che uomini e ci sono prove evidenti che suggeriscono un legame genetico con questa forma di tiroidite, sebbene la presenza di altre malattie autoimmuni specifiche, come il diabete di tipo I, possa anche essere una considerazione nella valutazione della storia familiare.

Le cause

Come una malattia autoimmune, il meccanismo d'azione predominante che conduce alla condizione è il risultato di anticorpi tiroidei creati dal sistema immunitario. Questi anticorpi attivano le cellule immunitarie per attaccare specificamente la ghiandola tiroidea con conseguente infiammazione della ghiandola. L'infiammazione ostacola la produzione di ormoni tiroidei, triiodotironina (T3) e tiroxina (T4). Questi ormoni svolgono un ruolo essenziale nel mantenere il metabolismo del corpo e l'ospite di segni e sintomi associati all'ipotiroidismo è diverso a causa delle irregolarità metaboliche nelle diverse cellule e tessuti all'interno del corpo.

Segni e sintomi

A causa della natura della tiroidite di Hashimoto, i segni e i sintomi possono variare a seconda dei tessuti più colpiti e del livello di bassi livelli di ormone tiroideo. I sintomi più comuni includono:
  • Fatica
  • Aumento di peso
  • Sonnolenza e mancanza di vitalità
  • Intolleranza o maggiore sensibilità al freddo
  • Depressione
  • Stipsi
  • Ingrandimento indolore della ghiandola tiroidea (gozzo)

Altri segni e sintomi che possono variare includono:

  • Dolori muscolari, spesso definiti come reumatismi.
  • Dolori alle articolazioni, soprattutto delle piccole articolazioni e possono essere scambiati per l'artrite reumatoide.
  • Gonfiore delle gambe, viso, collo e altre parti del corpo.
  • Pelle secca, ruvida e / o pruriginosa
  • Capelli grossolani e secchi
  • Pelle pallida (pallore)
  • Cambiamenti nella voce a causa di una maggiore pressione sulla laringe causata da una ghiandola tiroide gonfia.
  • Cambiamenti nei livelli ormonali, in particolare nelle donne che causano disturbi mestruali e persino contribuiscono alla sterilità.

Mentre la maggior parte dei segni e sintomi della tiroidite di Hashimoto è caratteristica dell'ipotiroidismo, alcuni sintomi possono apparire come ipertiroidismo o ghiandola tiroide iperattiva. Pertanto, la diagnosi della tiroidite di Hashimoto deve essere confermata da esami del sangue pertinenti.

Indagine diagnostica e analisi del sangue per la tiroidite di Hashimoto

Una case history completa metterà in risalto i segni e i sintomi associati alla condizione man mano che progredisce e, insieme a una storia familiare di malattie autoimmuni, può essere raggiunta una diagnosi differenziale della tiroidite di Hashimoto. Un ingrossamento indolore della ghiandola tiroidea può essere notato dopo aver palpato la ghiandola e gli altri segni annotati durante l'esame fisico possono ulteriormente contribuire alla diagnosi differenziale. La tiroidite di Hashimoto deve essere confermata con gli esami del sangue appropriati, vale a dire un profilo tiroideo, che testerà i livelli di T3, T4 e TSH (ormone stimolante la tiroide). I livelli di T3 e T4 possono essere inferiori al normale a vari gradi, tuttavia i livelli normali o aumentati di TSH indicano che non vi è alcuna disfunzione nella stimolazione della ghiandola. Un test del sangue di follow-up per gli anticorpi tiroidei verificherà il meccanismo d'azione autoimmune confermando così la diagnosi di tiroidite di Hashimoto. Nella maggior parte dei casi, la combinazione di una case history completa, insieme a reperti fisici e esami del sangue appropriati, è sufficiente per diagnosticare la tiroidite di Hashimoto e una scansione della tiroide potrebbe non essere necessaria.

Trattamento

Gli ormoni tiroidei sintetici, come la levotiroxina, sono più comunemente utilizzati nella tiroidite di Hashimoto e il dosaggio varia a seconda della gravità della condizione e della risposta al corso iniziale del trattamento. La tiroidite di Hashimoto è una condizione cronica e il trattamento è generalmente in corso, tuttavia, il dosaggio di levotiroxina potrebbe dover essere modificato a intervalli diversi per mantenere i normali livelli di ormone tiroideo. Levotiroxina o qualsiasi altro farmaco usato per il trattamento della tiroidite di Hashimoto non devono essere modificati senza la supervisione di un medico o di un endocrinologo. La riduzione dei segni e dei sintomi associati alla tiroidite di Hashimoto non segna una risoluzione della condizione e un progressivo peggioramento di questi segni e sintomi non dovrebbe comportare un aumento del dosaggio senza l'appropriata supervisione medica. Questo problema con la compliance del paziente è uno degli ostacoli principali che riguardano la gestione efficace della tiroidite di Hashimoto e le preoccupazioni sull'uso degli ormoni sintetici in gravidanza.

Prognosi e complicanze

Se non trattata, le complicanze attribuite all'ipotiroidismo possono essere gravi, debilitanti e potenzialmente fatali. Questi includono principalmente malattie cardiache, difetti alla nascita e depressione in corso. Tuttavia, con un trattamento e una gestione adeguati della tiroidite di Hashimoto, queste complicanze possono essere meno gravi o evitate del tutto. In molti casi, l'aumento di peso associato all'ipotiroidismo è una preoccupazione per i pazienti a causa di considerazioni estetiche.Mentre l'uso di droghe sintetiche aiuterà a gestire la condizione, molti pazienti sperimenteranno un leggero aumento del peso corporeo per tutta la vita e aumentando il dosaggio dei farmaci dovrebbero essere evitati a meno che il medico non consigli il cambiamento.


Riferimenti

  1. Tiroidite di Hashimoto. MedicineNet
  2. Anticorpi tiroidei. Labtestsonline
  3. Ipotiroidismo. Merck
  4. Eltroxin. Medbroadcast


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">