Prurito della vagina - Cause di prurito e bruciore, scarico, odore


Prurito vaginale o vulvare (prurito vulve) può essere sia doloroso che imbarazzante, e soprattutto se accompagnato da bruciore, scarico o odore, come spesso accade. Determinare la causa di una vagina pruriginosa è importante in modo da essere in grado di iniziare un trattamento adeguato al fine di alleviare i sintomi e, infine, portare alla completa risoluzione della condizione.

Scratch e automedicazione modificano l'aspetto della superficie vaginale e la diagnosi con l'esame clinico da sola può diventare difficile. Pertanto saranno necessari ulteriori test e indagini. Si consiglia di consultare immediatamente il medico una volta un prurito vaginale persistente prima di tentare di trattare la condizione con creme e coppe.

Qualsiasi segno di sanguinamento vaginale anormale accompagnato da prurito, dolore e / o secrezione dovrebbe essere immediatamente esaminato da un medico.

Perché la vagina prurito?

Fisiopatologia di una vagina pruriginosa

Le infezioni batteriche sono la causa più comune di prurito vaginale, anche se altre cause allergiche e infiammatorie possono anche essere responsabili. La stretta vicinanza della vulva all'ano e l'ambiente caldo e umido all'interno della vagina lo rendono soggetto a infezioni da batteri intorno all'ano.

Ragazze

Prima dell'inizio della pubertà, c'è mancanza di estrogeni endogeni. Questa deficienza fa sì che il rivestimento vaginale (epitelio) sia estremamente sottile e carente di glicogeno, il che rende la vagina altamente suscettibile alle infezioni batteriche.

Donna di età riproduttiva

L'epitelio vaginale matura sotto l'influenza degli estrogeni e c'è una grande quantità di glicogeno presente in queste cellule. Questo produce acido lattico, risultante in un ambiente acido che favorisce la crescita di lactobacillus. Dal momento della pubertà fino alla menopausa, i lattobacilli presenti nella vagina mantengono l'ambiente vaginale acido e scoraggiano quindi l'infezione batterica.

Tuttavia, entrano in gioco altri fattori che tendono ad aumentare la suscettibilità alle infezioni vulvovaginali, come ad esempio:

  • attività sessuale,
  • agenti contraccettivi,
  • pulizia vaginale,
  • uso di tamponi, e
  • indossare indumenti sintetici aderenti, non assorbenti e termici (come collant).

I fattori che possono rendere la vagina alcalina sono:

  • muco cervicale infetto,
  • scarico mestruale,
  • perdite vaginali che si verificano durante l'attività sessuale, e
  • eiaculato maschile.

Donne in postmenopausa
In questo gruppo di età, il livello di estrogeni endogeni diminuisce, rendendo l'epitelio vaginale e la pelle vulvare sottili e atrofici. Inoltre, c'è una diminuzione dell'acidità vaginale. Tutti questi fattori che agiscono insieme predispongono i delicati tessuti vaginali a rischio di lesioni e infezioni. L'atrofia postmenopausale può quindi causare prurito vaginale e secchezza.

L'obesità, le perdite vaginali eccessive e l'incontinenza spesso esacerbano i sintomi di una vagina pruriginosa.

Cause del prurito vaginale

Il prurito vaginale è un sintomo comune e le cause possono essere suddivise in una serie di voci ampie, come:

  • Infezione.
  • Infestazioni.
  • Allergie / Irritazione.
  • Igiene.
  • Corpi stranieri.
  • Ormonale.
  • Trauma / Injury.
  • Malattie della pelle.
  • Condizioni cancerose e precancerose.
  • Altri.

Infezione

L'infezione vaginale, che causa l'infiammazione della vagina (vaginite), è la causa più comune di perdite vaginali, prurito, bruciore e odore.

Ci sono 3 tipi di infezione vaginale che si incontrano normalmente - batterica, fungina o protozoaria.

Vaginosi batterica

Il prurito intorno alla vulva e alla vagina può essere accompagnato da una scarica sottile, di solito di colore bianco o grigio, che ha un tipico odore di pesce. Può essere presente una sensazione di bruciore durante la minzione. Infezione batterica vaginale di solito si verifica quando vi è un cambiamento nella normale flora vaginale, più frequentemente con una crescita eccessiva di Gardnerella vaginalis.

Gravidanza, dispositivi anticoncezionali, douching e partner sessuali multipli possono essere alcuni dei fattori di rischio associati a un'infezione vaginale batterica, sebbene non si tratti in genere di una malattia a trasmissione sessuale.

Infezione fungina vaginale

Candida, vaginite, mughetto vaginale, infezione vaginale del lievito o candidosi vaginale

Il forte prurito della vulva e della vagina è molto spesso causato da un'infezione fungina (candida albicans). La vulva e la vagina possono essere rosse e fessurate e spesso c'è uno scarico denso, bianco, salmastro o "ricotta". Lo scarico è solitamente inodore. Prurito, bruciore e dolore possono essere aggravati dall'attività sessuale.

candida albicans si possono trovare normalmente nella vagina senza causare alcun sintomo purché vi sia un equilibrio tra i funghi e la normale flora batterica della vagina. Qualsiasi squilibrio che causa la distruzione della flora batterica porta a un'eccessiva proliferazione dei funghi e alla successiva infezione.

I fattori di rischio includono:

  • diabete,
  • gravidanza,
  • contraccettivi,
  • steroidi,
  • antibiotici e
  • stati di immunodeficienza.

Un'infezione fungina della vagina non viene solitamente trasmessa sessualmente.

Tricomoniasi della vagina
Infezione con il protozoo Trichomonas vaginalis provoca la tricomoniasi della vagina, che è un'infezione trasmessa sessualmente. I sintomi comuni sono il prurito vaginale e una sensazione di bruciore durante il passaggio dell'urina. Di solito c'è una quantità copiosa di scorie sottili, spumose e maleodoranti, di colore verde-giallastro o grigio

Altre cause infettive del prurito vaginale

  • Infezioni sessualmente trasmissibili come la clamidia e la gonorrea, che sono infezioni della cervice causate da batteri.
  • Malattie a trasmissione sessuale (MST) come verruche genitali e herpes genitale.
  • Infezione del tratto urinario (UTI).

Infestazione

  • Scabbia.
  • Pidocchi
  • Ossiuri.

Allergie / Irritazione

  • Allergia ai preservativi in ​​lattice e gel agli spermicidi.
  • Prodotti chimici presenti in bagnoschiuma, detergenti, saponi, lozioni, spray, carta igienica colorata o profumata, deodoranti o tamponi.
  • Allergia allo sperma

Igiene

  • Scarsa igiene personale.
  • Igiene impropria - causando l'ingresso di batteri nella vagina dalla regione anale.
  • Indossare biancheria intima sintetica aderente o costumi da bagno bagnati a lungo.
  • Douching frequente.

Corpi stranieri

  • Corpo estraneo nella vagina come un tampone dimenticato o un pezzo di carta igienica.
  • Preservativo trattenuto
  • Altri articoli

ormonale

  • Vaginite atrofica postmenopausale.
  • Vaginite atrofica prepuberale.
  • Gravidanza.
  • Le mestruazioni.
  • Contraccettivi orali.

Trauma / Lesioni

  • Abuso sessuale.
  • Abrasioni durante l'inserimento di un tampone o durante i rapporti sessuali.

Malattie della pelle

  • Psoriasi.
  • Eczema.
  • Lichen planus.

Condizioni cancerose e precancerose

  • Lichen sclerosus.
  • Leucoplachia.
  • Il cancro della vulva, della vagina, della cervice o dell'endometrio può produrre una secrezione acquosa o macchiata di sangue.

Altri

  • Qualsiasi disturbo che causa prurito generalizzato o prurito, come malattia epatica cronica, malattia della tiroide o effetti collaterali di alcuni medicinali.
  • Diabete.
  • Incontinenza urinaria.
  • Radioterapia.
  • Chirurgia. Prurito vaginale e scarico dopo una procedura come una dilatazione e il curettage dovrebbero essere studiati come possibili infezioni post-operatorie.
  • Il prurito vaginale potrebbe essere di origine psicogena.

Cause nei bambini e nei neonati

  • Di solito da infezione fecale.
  • Vaginite atrofica prepuberale - alcalinità dovuta alla mancanza di estrogeni vaginali.
  • L'infezione da stafilococco e streptococco può causare secrezione di pus.
  • Infestazione da ossiuri.
  • Corpo estraneo.
  • Abuso sessuale.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">