Intestino tenue e grande - Anatomia, funzione, flora, immagini


Quali sono le viscere?

Il tubo digerente è costituito da diverse parti che collettivamente comprendono un'unica cavità lunga. Ci sono un certo numero di termini che sono usati per riferirsi al tratto digestivo e talvolta questi termini sono usati in modo intercambiabile e persino incorporeo. Ecco una spiegazione di alcuni termini comuni.

  • Il INTESTINO si riferisce al tratto digestivo completo dalla bocca all'ano, che è anche noto come tratto gastrointestinale o tratto gastrointestinale.
  • Il INTESTINALE consiste nell'intestino tenue (composto da duodeno, digiuno e ileo) e dall'intestino crasso (costituito da cieco, appendice, colon e retto)
  • Il STOMACO è un organo che giace tra esofago (esofago) e duodeno, ma molte persone usano anche il termine "stomaco" per riferirsi all'addome o all'intestino nel suo complesso.

Anatomia dell'intestino

Lo stomaco si trova proprio sotto l'estremità inferiore dello sterno e la maggior parte è infilata sotto la cassa toracica sinistra. L'intestino tenue (duodeno, digiuno e ileo) riempie la maggior parte della cavità addominale. La prima parte dell'intestino tenue, il duodeno, inizia dove finisce lo stomaco, che è approssimativamente nella regione medio-superiore dell'addome. Si avvolge all'interno della cavità addominale e termina nella regione inferiore destra dell'addome, dove si unisce al cieco dell'intestino crasso.

L'intestino crasso inizia nell'addome in basso a destra con il cieco e l'appendice, si solleva come il colon ascendente verso il fegato, quindi si piega formando il colon trasverso che corre lungo la regione superiore dell'addome. Si piega di nuovo sul lato sinistro e scorre verso il basso come il colon discendente, nel bacino dove si allarga nel colon sigmoideo. L'intestino crasso termina con il retto e l'apertura anale (ano).

Anatomia del sistema digestivo, intestino tenue e crasso (intestino)

Figura 1. L'intestino è costituito dall'intestino tenue (arancione) e dall'intestino crasso (verde)(fonte: Wikimedia)

Gut Motility

Il cibo che viene ingoiato allunga la parete dell'intestino e questo eccita i nervi nel muro. Attiva le contrazioni ritmiche dei muscoli intestinali lisci che spingono lentamente il cibo attraverso lo stomaco, l'intestino tenue e crasso verso l'ano. Questo processo è chiamato peristalsi. I fattori legati all'alimentazione che stimolano la peristalsi includono il volume di cibo, la temperatura, la massa, il contenuto di liquidi e anche il tipo di sostanza nutritiva predominante (4).

È anche noto che il gusto può avere un impatto sulla motilità intestinale, così come le emozioni, i pensieri e il dolore. Questo può stimolare o deprimere la motilità intestinale. Questo movimento attraverso l'intestino è anche responsabile della defecazione. Una volta riempite le parti terminali dell'intestino crasso, lo stiramento del muro stimola il riflesso della defecazione. Le feci sono spinte nel retto e una persona ha una spinta a superare le feci.

Una volta che una persona si trova in una posizione appropriata, gli sfinteri interni ed esterni si rilassano. Forti contrazioni spingono quindi le feci fuori dal retto e le espellono nell'ambiente.

Maggiori informazioni sul riflesso della defecazione.

Fegato, cistifellea e pancreas

Sebbene il fegato, la cistifellea e il pancreas non facciano parte del tratto digestivo, questi organi sono parti importanti del sistema digestivo nel suo complesso. La bile viene prodotta nel fegato, temporaneamente immagazzinata nella cistifellea e poi secreta nel duodeno attraverso i dotti epatici e comuni epato-bilaterali. Gli enzimi digestivi del pancreas vengono passati al duodeno attraverso il dotto pancreatico. Il comune epato-biliare e il dotto pancreatico si uniscono prima che si aprano nel duodeno (3). Questa apertura, chiamata papilla Vateri, è abbracciata da un muscolo liscio - sfintere di Oddi.

Enzimi digestivi

Le proteine ​​sono scomposte nello stomaco da enzima pepsina e nel duodeno dagli enzimi pancreatici tripsina e chimotripsina, in amminoacidi. I carboidrati sono analizzati dall'enzima pancreatico amilasi e dagli enzimi della mucosa intestinale piccola: saccarasi degradano saccarosio (zucchero da tavola); la lattasi abbatte il lattosio (zucchero del latte) in glucosio e galattosio. I grassi sono suddivisi dall'enzima lipasi pancreatica in acidi grassi e glicerolo. Gli acidi biliari sono necessari per emulsionare i grassi per la digestione.

Leggi di più sugli enzimi digestivi.

Assorbimento di sostanze nutritive

La maggior parte dei nutrienti, acqua ed elettroliti (Na, K, Ca, Mg, Fe) sono assorbiti nel duodeno e nel digiuno, mentre la vitamina B12 viene assorbita principalmente nell'ileo terminale. Gli acidi biliari vengono assorbiti attraverso l'intero intestino tenue, ma principalmente nell'ileo terminale dell'intestino tenue. Dopo l'assorbimento la bile viene quindi trasportata nel fegato dove viene processata e può essere riutilizzata.

I grassi possono essere assorbiti solo in presenza di bile, mentre le vitamine A, D, E e K possono essere assorbite solo insieme ai grassi. Ulteriori sodio e acqua vengono assorbiti nel colon. Dalla cavità intestinale, i nutrienti entrano nelle cellule della mucosa intestinale e da lì il sangue venoso e la linfa. Dalla mucosa intestinale molte piccole proiezioni a forma di dito (villi) sporgono verso la cavità intestinale, e quindi aumentano notevolmente la superficie assorbente.

Flora intestinale (batteri intestinali normali)

Molti batteri (e alcuni lieviti e protozoi) vivono normalmente in un budello umano sano; per lo più nel colon, meno nell'intestino tenue, ma nessuno nello stomaco. Il neonato riceve i suoi primi batteri inghiottendoli durante il parto.

I batteri intestinali normali (benefici) possono:

  • Prevenire la crescita di batteri nocivi;
  • Prevenire l'infiammazione intestinale;
  • Cambiano chimicamente gli acidi biliari in modo che possano essere assorbiti quando raggiungono l'intestino tenue distale;
  • Abbattere fibre, lattosio e altri carboidrati in acidi grassi a catena corta, che vengono assorbiti nel colon, migliorando l'assorbimento d'acqua del colon;
  • Sintetizzare un po 'di vitamina K e vitamina B12.

Il composizione della flora intestinale differisce da persona a persona e dipende dall'età, dalla dieta, dall'ambiente e dall'uso di antibiotici (6). I batteri nella prima parte dell'intestino tenue (digiuno) sono principalmente lattobacilli e enterococchi aerobici, mentre quelli nell'intestino tenue distale (ileo) e nel colon sono per lo più anaerobi (Bacteroides, Bifidobacterium bifidum,E. coli, enterococchi, clostridi, lattobacilli anaerobici) (6). Nei bambini allattati al seno, bifidobatteri predominano. Alcuni funghi, come candida albicans, fanno anche parte della normale flora intestinale.

Articoli Correlati:

  • Trova una causa di movimenti dell'intestino sciolto dai sintomi medici
  • Movimento intestinale giallo
  • Movimento intestinale verde
  • Movimento intestinale nero
  • Muco nel movimento intestinale


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">