Hypomagnesemia (bassi livelli di magnesio nel sangue)


Cos'è l'ipomagnesiemia?

L'ipomagnesiemia è il termine medico per livelli di magnesio inferiori al normale nel sangue. Sebbene il magnesio sia così abbondante nel corpo e molto importante per la salute, spesso non viene prestata altrettanta attenzione come il calcio e il fosfato. Tuttavia, il magnesio è altrettanto importante di questi minerali ed è infatti necessario per il calcio e il fosfato per essere correttamente utilizzati dal corpo. Recenti evidenze che indicano che l'ipomagnesiemia è un importante effetto collaterale dell'uso prolungato di un farmaco anti-acido ampiamente utilizzato noto come inibitori della pompa protonica (PPI), ha fatto luce sull'importanza del magnesio.

Quanto è diffusa l'ipomagnesiemia?

L'incidenza dell'ipomagnesemia dipende dal paziente, dalle sue statistiche di salute e dalle malattie di base. Si stima che 2 persone su 100 nella popolazione generale abbiano un certo grado di ipomagnesiemia. È una piccola ma significativa incidenza. Tuttavia, nei pazienti ospedalizzati e in particolare quelli in terapia intensiva (ICU), l'incidenza è molto più alta. L'ipomagnesiemia può essere comune al 20% nei pazienti ospedalizzati e fino al 65% nei pazienti ricoverati in terapia intensiva. Gli alcolisti sono spesso a maggior rischio di ipomagnesiemia.

Effetti dei livelli di magnesio a basso sangue

Il magnesio è essenziale per l'omeostasi, il delicato equilibrio che mantiene la salute. È il quarto minerale più abbondante nel corpo umano e circa la metà di tutto il magnesio è nelle ossa. La maggior parte dell'altra metà è all'interno delle cellule e solo circa l'1% del magnesio è nel sangue. La diversità delle funzioni del magnesio nel corpo umano lo rende uno dei minerali più importanti. Il magnesio è importante per il corretto funzionamento e la salute di:

  • muscoli
  • Ossatura
  • Cuore e vasi sanguigni
  • Sistema immunitario
  • Livelli di glucosio nel sangue
  • Produzione di energia
  • Sintesi proteica

Inoltre, il magnesio influisce sui livelli di potassio nel sangue e l'ipomagnesiemia può portare a ipopotassiemia (basso livello di potassio nel sangue). Pertanto bassi livelli di magnesio nel sangue causeranno una serie di disturbi in questi organi e sistemi. Alcune delle principali conseguenze dell'ipomagnesemia sono brevemente discusse di seguito.

Ritmo cardiaco

Le anormalità nel ritmo della contrazione e del rilassamento del cuore sono conosciute come un'aritmia. L'ipomagnesiemia è riconosciuta come una causa importante di aritmie. Colpisce il sistema elettrico del cuore, la contrazione del muscolo cardiaco e il tono dei vasi sanguigni. L'ipomagnesiemia aumenta anche gli effetti di droghe come la digitale sul cuore.

Pressione sanguigna

La pressione sanguigna dipende da diversi fattori come la forza della contrazione del cuore, il volume del sangue e la resistenza dei vasi sanguigni. Bassi livelli di magnesio nel sangue provocando un aumento dei livelli di calcio all'interno delle cellule portano ad un aumento della resistenza periferica. Ciò significa che il sangue deve essere spinto più forte e la pressione sanguigna aumenta (ipertensione).

Nervi e muscoli

I nervi e i muscoli del corpo sono influenzati in diversi modi quando i livelli di magnesio nel sangue sono bassi. La velocità degli impulsi nervosi è più lenta del normale e sia i nervi che i muscoli sono più eccitabili. Questo porta a varie manifestazioni neuromuscolari come convulsioni, crampi muscolari, riflessi iperreattivi, depressione, nausea e vomito. È stato anche suggerito che una carenza di magnesio contribuisce alla sindrome premestruale (PMS), ma non è sempre chiaro se si tratti di una manifestazione neurologica o di uno squilibrio ormonale.

Ossatura

Il magnesio è un importante contributo alla densità della massa ossea e quindi alla forza ossea. Colpisce il calcio che è essenziale per la mineralizzazione delle ossa. Quindi il magnesio è un minerale importante da consumare in combinazione con l'integrazione di calcio per le persone ad alto rischio di osteoporosi, come le donne in postmenopausa.

urina

Sembra che la presenza di magnesio abbia un ruolo importante nel prevenire i vari componenti dell'urina dalla precipitazione e dalla cristallizzazione. Pertanto previene la formazione di calcoli urinari. Tuttavia, è importante notare che l'integrazione eccessiva di vari minerali può in effetti contribuire a calcoli urinari.

Glicemia

L'ipomagnesiemia può influenzare la regolazione dei livelli di glucosio nel sangue, ma questo può essere più importante nel diabete rispetto a quelli con normale tolleranza al glucosio. Livelli inferiori al normale di magnesio influenzano la sensibilità e la secrezione di insulina. Finora non è stato provato in modo definitivo che una carenza di magnesio sia un fattore che contribuisce allo sviluppo del diabete mellito.

Segni e sintomi

I segni e i sintomi dell'ipomagnesemia dipendono dall'organo o dal sistema interessato dalla carenza di magnesio. Pertanto i sintomi possono variare in una certa misura da una persona all'altra. Gli esami del sangue sono il modo più decisivo per identificare una carenza di magnesio. Alcuni dei segni e sintomi dell'ipomagnesemia includono pertanto:

  • Sensazioni anormali in particolare sulle mani e sulle gambe note come parestesie.
  • Debolezza muscolare, spasmi, crampi e tremori.
  • Convulsioni (convulsioni).
  • Rapidi movimenti oculari anormali noti come nistagmo.
  • Anomalie su ECG (elettrocardiogramma).
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione).
  • Effetti collaterali quando si usa la digitale indicando tossicità nonostante l'uso di quantità terapeutiche controllate.
  • Nausea e vomito.

L'ipomagnesemia contribuisce anche a bassi livelli di potassio nel sangue (ipokaliemia) ea bassi livelli di calcio nel sangue (ipocalcemia). Pertanto possono essere presenti anche i segni e i sintomi di queste carenze minerali.

Cause di carenza di magnesio

Il magnesio viene acquisito attraverso la dieta. Pertanto una dieta carente di magnesio contribuirà all'ipomagnesemia.Tuttavia, ci può essere un apporto sufficiente di alimenti ricchi di magnesio, ma l'assorbimento difettoso dall'intestino ostacola l'assorbimento di magnesio. I livelli di magnesio nel corpo sono regolati e grandi quantità vengono eliminate attraverso i reni nelle urine. I disturbi renali possono quindi contribuire a una perdita di magnesio superiore al normale, determinando così una carenza nonostante l'assunzione e l'assorbimento normali. Il magnesio può anche essere perso attraverso le feci, il sudore e il vomito. Solo l'1% del magnesio del corpo circola nel flusso sanguigno. Pertanto alcune condizioni possono estrarre il magnesio dal sangue nelle ossa e nei tessuti, lasciando i livelli circolanti di magnesio inferiori al normale.

Fattori di rischio per Hypomagnesemia

Ci sono varie possibili cause di una carenza di magnesio. Tuttavia, non tutte le persone con queste condizioni sperimenteranno ipomagnesiemia e in gran parte dipende dalla durata e dalla gravità della condizione sottostante. Le persone a maggior rischio di sviluppare ipomagnesiemia possono includere quelle con una o più delle seguenti condizioni:

  • Sindrome da astinenza da alcol e alcol.
  • Alti livelli di aldosterone (iperaldosteronismo).
  • Alti livelli di calcio nel sangue (ipercalcemia).
  • Celiachia.
  • Trattamento di chetoacidosi diabetica.
  • Diarrea che dura da tempo.
  • Sindrome dell'osso affamato.
  • Malattia infiammatoria intestinale (IBD)
  • Insufficienza renale acuta
  • Farmaci come alcuni antibiotici, inibitori della pompa protonica (PPI), diuretici, immunosoppressori e farmaci antitumorali (chemioterapia).
  • Pancreatite acuta.
  • Nutrizione parenterale totale in cui una persona viene alimentata interamente da una flebo IV.
  • Poliuria (minzione eccessiva).
  • Fame e malnutrizione
  • Sudorazione eccessiva.
  • Vomito abbondante e prolungato.

Test e diagnosi

I segni e i sintomi dell'ipomagnesemia non sono specifici per la carenza di magnesio. Pertanto è necessario condurre vari test per confermare una diagnosi di ipomagnesiemia. Gli esami del sangue e delle urine possono rivelare bassi livelli di magnesio quando si sospetta l'ipomagnesiemia. A volte la presenza di anomalie nel sangue e nel potassio nel sangue può essere un indicatore di ipomagnesiemia. Pertanto è consigliabile condurre simultaneamente un test del sangue al magnesio.

Video su test per carenza di magnesio

È importante notare che una carenza di magnesio potrebbe non essere immediatamente evidente come ipomagnesiemia.

Trattamento ipomagnesiemia

È importante identificare la causa sottostante dell'ipomagnesemia per trattarla efficacemente. L'integrazione semplicemente con magnesio non risolverà l'ipomagnesiemia se anche la condizione sottostante non viene trattata in modo appropriato. I bambini hanno bisogno di almeno 80 mg di magnesio al giorno, mentre i maschi adulti di età superiore ai 30 anni possono aver bisogno di 420 mg al giorno. L'ipomagnesiemia viene trattata con integratori di magnesio come l'ossido di magnesio, il magnesio gluconato e il solfato di magnesio. Questi integratori possono essere sottoposti ad anestesia per via orale (attraverso la bocca) o per via endovenosa (nelle vene). Inoltre, a un paziente vengono somministrati fluidi per via endovenosa e alcuni tipi di "pillole per l'acqua", noti come diuretici risparmiatori di potassio, per prevenire la perdita di potassio attraverso i reni. Questi diuretici aiutano a ripristinare rapidamente i livelli di potassio nel sangue che possono essere stati bassi a causa della carenza di magnesio.

Riferimenti :

//www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000315.htm

//emedicine.medscape/article/2038394-overview

//ods.od.nih.gov/factsheets/Magnesium-HealthProfessional/

//www.aafp.org/online/en/home/publications/news/news-now/clinical-care-research/20110309ppi-hypomag.html


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">