Come sono diversi i tratti, il morbo di Parkinson e l'Alzheimer


Poiché le persone vivono più a lungo, un numero di condizioni croniche che colpiscono il cervello vengono ora più frequentemente osservate. Non tutte queste condizioni sono isolate per i gruppi di età più avanzata, ma è più probabile che colpiscano persone di età superiore ai 60 anni. Queste condizioni sono spesso confuse e fraintese nel modo in cui influisce sulla struttura e sulla funzione del cervello. Alcuni si sviluppano gradualmente mentre altri colpiscono improvvisamente senza avvertimenti precedenti. In alcuni casi gli effetti possono essere minimi e addirittura reversibili, mentre altri possono essere gravemente debilitanti e persino potenzialmente letali a seconda della natura della condizione.

Il cervello è composto principalmente da cellule nervose (neuroni) e tessuto di supporto. Come con qualsiasi parte del corpo, il cervello è incline a una serie di malattie e disturbi. Un ictus cerebrale, il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer sono tre comuni condizioni neurodegenerative negli Stati Uniti che si riscontrano principalmente tra gli anziani. Può avere un certo grado di somiglianza in termini di determinati sintomi e processi patologici, ma ciascuno di essi è una condizione separata che differisce in larga misura.

Danneggiamento del cervello

cambiamenti di cervello di demenza

La natura della malattia differisce nell'ictus cerebrale, nella malattia di Parkinson e nella malattia di Alzheimer. Mentre un ictus cerebrale è ben compreso, le ragioni esatte per condizioni come il morbo di Parkinson e l'Alzheimer sono poco conosciute. Anche il motivo per cui la funzione cerebrale è influenzata non è chiaro in queste condizioni, ma ci sono diverse teorie basate sui risultati dei cambiamenti strutturali nel cervello scoperti durante l'esame post-mortem, accoppiato con la risposta a determinati farmaci.

  • Ictus cerebrale è dove una parte del tessuto cerebrale muore a causa di un afflusso di sangue compromesso. È ischemico quando un coagulo blocca il flusso sanguigno o emorragico quando il vaso sanguigno si rompe.
  • morbo di Parkinson è una condizione in cui si verificano grumi di proteine ​​nel tessuto cerebrale e può esserci perdita delle cellule nervose produttrici di dopamina nel cervello.
  • Il morbo di Alzheimer è una condizione in cui vi è la formazione di grovigli di proteine ​​e placche nel cervello insieme alla morte e alla distruzione delle cellule nervose nel cervello.

Cause e fattori di rischio

Una storia familiare di una qualsiasi di queste condizioni è uno dei principali fattori di rischio. Ma i fattori genetici sono un rischio più forte per il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer che per un ictus cerebrale. L'età e lo stile di vita sembrano giocare un ruolo significativo in tutte e tre le condizioni. Con un colpo, uno dei problemi principali è aterosclerosi - dove le placche grasse restringono le arterie che forniscono sangue al cervello. Ipertensione, colesterolo alto, fumo di sigaretta, obesità e diabete sono alcuni dei principali fattori di rischio.

Con la malattia di Parkinson, la genetica, l'età e l'esposizione alle tossine ambientali sono i principali fattori di rischio. Gli uomini sono a maggior rischio e la condizione sembra essere più diffusa in alcuni paesi, probabilmente indicando una componente dello stile di vita, come la dieta. La malattia di Alzheimer condivide molti dei maggiori fattori di rischio sia con un ictus cerebrale che con la malattia di Parkinson. Ma è stato interessante notare che l'attività mentale può ridurre il rischio della condizione mentre non è efficace come misura preventiva con le altre due condizioni.

Segni e sintomi iniziali

I primi sintomi possono variare notevolmente tra ciascuna delle condizioni. In effetti, può variare significativamente da un paziente all'altro con la stessa condizione. E spesso non ci possono essere sintomi nelle fasi iniziali. Con il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer, i sintomi tendono a svilupparsi gradualmente e progredire per un certo periodo di tempo. D'altra parte con un ictus, i sintomi tendono spesso a iniziare improvvisamente e progredire rapidamente. Potrebbero esserci precedenti episodi di sintomi simili ad ictus che passano dopo pochi minuti - questo è noto come attacchi ischemici transitori (TIA).

  • Stroke - formicolio, intorpidimento, debolezza e / o paralisi su un lato del corpo, svenimento, confusione.
  • Morbo di Parkinson - tremore a riposo (tremore rotolante).
  • Morbo di Alzheimer - dimenticanza o scarsa memoria.

Poiché tutte queste condizioni influenzano il cervello, i sintomi possono sovrapporsi in una certa misura. Tuttavia, può verificarsi in diverse fasi della condizione. Ad esempio, i problemi di memoria sono solitamente osservati precocemente nella malattia di Alzheimer e in ritardo nella malattia di Parkinson.

Test e scansioni per la diagnosi

ct scan

Non esiste un esame del sangue conclusivo per confermare la diagnosi di un ictus, il morbo di Parkinson o il morbo di Alzheimer, ma può essere utile nell'escludere altre condizioni che causano sintomi simili. Gli studi di imaging come una TC e la risonanza magnetica sono utili per diagnosticare un ictus in combinazione con i risultati neurologici durante un esame fisico. Queste scansioni possono anche essere utili per escludere un ictus quando un paziente ha il morbo di Parkinson o il morbo di Alzheimer.

Tuttavia, non esiste un test in grado di diagnosticare la malattia di Parkinson. Invece un medico diagnosticherà la malattia di Parkinson in base ai segni e sintomi presenti al momento. Una diagnosi di malattia di Parkinson può anche essere confermata quando i pazienti rispondono a farmaci come la levodopa. Vari test fisici, neurologici e neuropsicologici possono essere utilizzati anche per diagnosticare la malattia di Alzheimer quando altre condizioni sono state escluse. C'è speranza che l'imaging cerebrale possa essere usato per diagnosticare in modo definitivo la malattia di Alzheimer in futuro.

Farmaco e chirurgia

Il trattamento di un ictus, il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer varia notevolmente sebbene vi sia un certo grado di sovrapposizione. L'obiettivo di qualsiasi programma di trattamento per un ictus è quello di ripristinare il normale flusso di sangue al cervello il più presto possibile.Questo potrebbe richiedere un intervento chirurgico. Con la malattia di Parkinson, le procedure chirurgiche come la stimolazione cerebrale profonda possono essere prese in considerazione nei casi che si stanno deteriorando e non rispondono in modo efficace ai farmaci del Parkinson. Non ci sono ancora opzioni chirurgiche valide per la malattia di Alzheimer.

I farmaci per l'ictus cerebrale comprendono agenti anti-coagulazione come l'aspirina o l'attivatore del plasminogeno tissutale (TPA). Per il morbo di Parkinson, farmaci come la levodopa sono il cardine del trattamento. Altri farmaci per il morbo di Parkinson includono inibitori delle monoaminossidasi (inibitori delle MAO), farmaci anticolinergici, inibitori della catecol O-metiltransferasi (COMT), farmaci anticolinergici e amantadina. Le opzioni di farmaci per la malattia di Alzheimer sono limitate. Inibitori delle colinesterasi e memantina sono alcuni dei farmaci che possono essere utilizzati.

I pazienti con una qualsiasi di queste condizioni possono trarre beneficio dalla terapia fisica e dalla terapia occupazionale, a vari livelli.

Misure di prevenzione

In esecuzione

A parte un ictus cerebrale, le misure preventive non sono sempre definitive per il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. Misure generali come l'esercizio fisico regolare, una dieta sana e la gestione dello stress possono essere utili per tutte le condizioni. Con un ictus, misure come perdere peso, controllare la pressione sanguigna, stabilizzare i livelli di glucosio nel sangue nel diabete e ridurre i livelli di colesterolo nel sangue sono particolarmente utili. Alcuni farmaci come gli agenti anti-coagulazione possono anche aiutare a prevenire un ictus ischemico sebbene possa peggiorare un ictus emorragico.

Non ci sono misure preventive conosciute per la malattia di Parkinson. Alcuni studi hanno dimostrato che la caffeina e il fumo di sigaretta possono giocare un ruolo nel ridurre il rischio di malattia di Parkinson, ma non è consigliabile aumentare l'assunzione di caffeina o iniziare a fumare. Considerate le possibili cause del morbo di Alzheimer, non sono state identificate misure preventive esatte. Oltre ad adottare uno stile di vita generalmente sano, gli esercizi mentali e altre attività intellettuali possono offrire un certo grado di protezione contro lo sviluppo della malattia di Alzheimer. Studi recenti hanno rivelato certo alimenti che riducono il rischio di malattia di Alzheimer.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">