Alcuni fatti sulla marijuana medica (cannabis)


È ancora un argomento molto controverso, ma la marijuana medica sta trasformando le strade interne degli Stati Uniti in una forma accettata di trattamento per determinate condizioni. Molte persone considerano ancora la marijuana con disprezzo, ma potrebbe esserci di più in questa erba in termini medici di quanto si pensasse in precedenza. La ricerca in corso ei risultati degli studi nel corso degli anni hanno sostenuto l'uso della marijuana medica in alcuni casi, al punto che viene legalizzato nei diversi stati americani a un ritmo molto più rapido di quanto si fosse visto in precedenza.

La marijuana è il nome comune per la pianta conosciuta come cannabis che può essere ingerita (assunta per via orale) o inalata. È conosciuto da un certo numero di altri nomi di strade tra cui erba, erba e vaso. La ragione per cui la marijuana è illegale rispetto ad altre erbe è che contiene composti psicoattivi. Queste sostanze chimiche danno a una persona un "alto" e c'è il potenziale per la dipendenza. Molte persone considerano la marijuana una droga molto più spessa rispetto ad altre sostanze illecite come la cocaina e l'eroina. Ma altri lo vedono come una droga accentrata che porta all'uso di droghe da strada più avvincenti.

Marijuana

Le piante sono la fonte della maggior parte dei farmaci moderni che conosciamo oggi. Gli usi tradizionali delle erbe per scopi medicinali hanno giustificato ulteriori indagini. Quando le sostanze chimiche attive all'interno di queste piante possono essere verificate per avere alcuni benefici medicinali, queste sostanze chimiche sono quindi prodotte sinteticamente nei laboratori. Lo stesso vale per la cannabis. Oggi i farmaci a base di cannabis come dronabinol e nabilone contengono cannabinoidi sintetici e sono approvati dalla FDA.

La marijuana è un rimedio di 3000 anni

L'uso della marijuana è stato fatto risalire a circa 3.000 anni fa attraverso prove archeologiche. È un'erba indigena Asia centrale e meridionale ma ora è ampiamente coltivato in tutto il mondo. Il periodo esatto in cui la marijuana è stata usata per scopi medicinali non è chiara. Tuttavia, i rimedi a base di erbe erano le principali opzioni medicinali per la maggior parte della storia umana. La marijuana fu probabilmente utilizzata per scopi medicinali per millenni. Nel 19 ° secolo era in uso in medicina occidentale per disturbi come dolore, spasmi e convulsioni.

THC e CBD sono i principali ingredienti attivi

Ci sono diverse centinaia di composti diversi nella marijuana. Le sostanze chimiche attive che hanno un'azione farmacologica nella marijuana sono indicate come cannabinoidi o fitocannabinoidi. I due principali cannabinoidi da considerare quando si guarda l'uso medicinale della marijuana è delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD). Sono solo due dei quasi 100 cannabinoidi nella marijuana. Il CBD non causa l'intossicazione o l'euforia (molto alta) del THC, ma ha un numero di effetti diversi sul corpo. I test farmacologici THC sono utilizzati per rilevare l'uso di marijuana.

Non tutti i cannabis sono uguali

La questione della marijuana medica e la diffusa copertura mediatica sulla sua legalizzazione ha portato molte persone a pensare alla cannabis allo stesso modo di una droga farmaceutica. Ma questo non è il caso. A differenza delle droghe che sono standardizzate, ci sono varietà di diverse specie della maggior parte delle erbe. Cannabis sativa e Cannabis indica sono due dei principali ceppi della pianta di cannabis. Il rapporto CBD: THC è da 4 a 5 volte più alto in Cannabis indica. I prodotti chimici attivi all'interno di ciascuno variano e questa variazione non è limitata solo ai ceppi, ma a diversi raccolti dello stesso ceppo.

La marijuana medica ha benefici e rischi per la salute

Numerosi studi di ricerca e studi clinici hanno dimostrato che la marijuana e i suoi derivati ​​hanno benefici medici. Tuttavia, il dibattito è ancora in corso sul fatto se questi benefici giustificano la legalizzazione del farmaco per scopi medici. È anche importante sapere che la marijuana medica non è priva di rischi. Il pericoli può essere ovvio quando la marijuana viene fumata, ma anche se assunta per via orale può causare effetti collaterali e sii aperto agli abusi.

La cannabis non è un trattamento antitumorale approvato

Sebbene possa essere usato per gestire alcuni dei sintomi di cancro e trattamenti contro il cancrola cannabis non è un trattamento per il cancro. Ciò significa che la cannabis non deve essere utilizzata per fermare la crescita di un tumore canceroso, distruggere le cellule tumorali o impedirne la diffusione. Tuttavia, la cannabis può contribuire a bloccare la crescita delle cellule e ridurre il flusso di sangue ai tumori. Tuttavia, a questo punto nel tempo il suo uso non può essere giustificato per sostituire trattamenti per il cancro che sono noti per essere efficaci, come la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia. Per ora, la marijuana medica può essere prescritta per i malati di cancro che stanno combattendo con sintomi come nausea, vomito e perdita di appetito.

La maggior parte dei medici statunitensi approva la legalizzazione

Un recente sondaggio di WebMD / Medscape ha rivelato che il maggioranza dei medici americani credo che la marijuana medica dovrebbe essere legalizzata in tutti gli Stati Uniti. Attualmente è legale in meno della metà degli stati americani. Tuttavia, lo stato legalizzazione della marijuana medica negli Stati Uniti ha accelerato negli ultimi 5 anni. Gli intervistati nel sondaggio hanno affermato che la marijuana medica può offrire reali benefici ai pazienti con oncologi ed ematologi che mostrano il maggior supporto per la sua legalizzazione.

Il possesso senza prescrizione è ancora illegale

Anche se la marijuana medica viene legalizzata da più stati ed è considerata per la legalizzazione da altri, questo non significa che tu possa uscire e comprare la droga per strada. La marijuana è ancora considerata come un sostanza illecita quando venduto al di fuori dei canali di marijuana medica appropriata.Possesso della droga di strada e uso ricreativo di la marijuana è illegale e può portare a procedimenti penali. Lo stesso vale per far crescere il farmaco privatamente o per consumarlo senza prescrizione medica.

Usi medici di marijuana e droghe a base di cannabis

Oggi la marijuana medica è indicata per diverse condizioni. Molte delle affermazioni sui benefici della marijuana medica sono sostenute da ricerche, ma alcune sono ancora aneddotiche. La marijuana medica è attualmente utilizzata per:

  • Facilità di nausea e vomito nei pazienti sottoposti a trattamenti contro il cancro.
  • Stimolare l'appetito nei pazienti con cancro e HIV / AIDS per aiutare con l'aumento di peso.
  • Riduce lo spasmo e la tensione muscolare e riduce i tremori nei pazienti con sclerosi multipla (SM).
  • Gestire il dolore cronico in persone con cancro, HIV / AIDS, dopo chirurgia della colonna vertebrale o amputazione e nella sclerosi multipla.
  • Probabilmente una minore pressione all'interno dell'occhio che potrebbe aiutare nella gestione del glaucoma.
  • Forse aiutare a ridurre la frequenza delle convulsioni negli epilettici.

Questi usi medici e benefici per la salute della marijuana non dovrebbe sminuire le moderne droghe farmaceutiche.

Riferimenti:

www.medscape/viewarticle/822946

www.cancer.gov/cancertopics/pdq/cam/cannabis/patient

www.cnn/2013/08/07/health/charlotte-child-medical-marijuana/


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">