Affrontare il dolore e la perdita


Perdere un amico, un familiare, un animale domestico o persino uno stile di vita (come perdere una casa, una relazione o un lavoro) sono alcune delle esperienze più dolorose che qualcuno di noi abbia mai attraversato, ma purtroppo anche un fatto di vita e qualcosa di tutti noi devo sperimentare molto probabilmente più volte nella nostra vita. Non solo è un'esperienza incredibilmente sconvolgente e spiacevole, ma è quella che può influire su di te in un modo che inizialmente non riconosci e che potresti essere psicologicamente dannoso se non permetti a te stesso il tempo di soffrire. Allo stesso tempo, crea molte più implicazioni e difficoltà pratiche che potreste non aver considerato e che non potevano arrivare in un momento peggiore, insieme a potenziali tensioni familiari.

Non esiste un modo corretto di affliggere, e in effetti il ​​modo in cui reagisci alla perdita varierà da persona a persona e anche da caso a caso. Il modo in cui reagisci dopo aver perso un membro della famiglia potrebbe essere molto diverso dal modo in cui reagisci la prossima volta e questi possono variare in termini di durata, gravità e altro. Alcune persone potrebbero non reagire affatto dopo una perdita significativa, mentre altri scopriranno che provano un grave dolore dopo essersi appena trasferiti a casa o aver cambiato lavoro.

Come posso reagire?

Il fatto che ognuno reagisca in modo diverso a tutte le diverse perdite nella propria vita significa che non è possibile "reagire". Ciò che è importante, invece, è che ti lasci reagire, comunque senti di volerlo, e non cercare di sopprimere, seppellire o forzare le emozioni. Molte persone si sentiranno sconvolte dal fatto che non piangano quando sentono cattive notizie, o si sentiranno come se non possano piangere nel caso in cui sconvolge i familiari di amici (o semplicemente perché non è quello che gli "uomini" dovrebbero fare). Se non vuoi piangere di fronte agli altri, dovresti dedicare un po 'di tempo a te stesso per piangere e "lasciar andare" nel modo che più ti si addice. Allo stesso tempo, se trovi che non puoi piangere, non dovresti sentirti "colpevole" - non significa che non sei triste e non devi "provare" la tua tristezza costringendoti a piangere di più. Per quanto sia importante aiutare i tuoi amici e familiari reagendo nel modo corretto, dovresti anche pensare alle tue emozioni e darti il ​​tempo di piangere a modo tuo. Se non ti aiuti, allora non sarai in grado di aiutarli - tu sei tutto questo insieme e nessuno ha più 'ragione' di essere turbato di chiunque altro.

Sintomi di dolore

Nel 1969 la psicologa Kulber-Ross creò i cinque famosi "stadi" del dolore a cui spesso si fa riferimento. Questi sono "negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione", e mentre molti di questi sono sintomi accurati di perdita, come abbiamo già discusso ognuno reagisce in modo diverso in ogni caso e raramente qualcuno seguirà un modello così rigido e prevedibile. Il dolore è più un viaggio di emozioni fluttuanti e altamente personali e potresti sorprendervi con il modo in cui reagite. Complicazioni comuni includono: senso di colpa, rabbia, tristezza, shock e incredulità, negazione, malessere e depressione. Potresti anche provare sintomi fisici come stanchezza, malattia o persino dolore.

Trattare con i sintomi

È importante concedersi il tempo di affrontare questi sintomi e affrontare i propri sentimenti. Evitarli significa che bolle sotto la superficie e possono durare più a lungo o possono anche mettere a dura prova il tuo sistema immunitario e causare malattie in questo modo. Mentre può essere un "metodo di coping" per alcune persone che si distraggono con il lavoro o altre attività, dovresti prendere un paio di giorni liberi per affrontare le tue emozioni e venire a patti con quello che è successo.

Uno dei sintomi più comuni è il "senso di colpa" e questo è un sintomo particolarmente negativo che può essere il risultato del "senso di colpa dei sopravvissuti" (perché non ero io?) O della sensazione che tu fossi in qualche modo responsabile (avrei dovuto dirlo loro di andare dal medico prima). Fai un po 'di conforto nel fatto che non c'era nulla che avresti potuto fare e che morire è purtroppo parte della vita. Se continui a incolparti, questo ti renderà più difficile soffrire in modo appropriato e vorrà dire che ti stai punendo di più. Quello che è fatto è fatto, e non ha senso guardarsi indietro.

Dovresti anche evitare di stare da solo quando ti lamenti troppo a lungo. Mentre ti potrebbe piacere un po 'di tempo da solo a piangere o riflettere, dovresti assicurarti di essere circondato dai tuoi cari in modo da poterti piangere insieme e in modo da poterti consolare dalla loro compagnia. Se ti accorgi che stai lottando per far fronte a sentimenti confusi di rabbia o senso di colpa, o persistenti sentimenti di depressione, allora dovresti ricevere consulenza sul dolore per cercare di aiutarti a capire le tue emozioni e per impedire loro di alzare la testa in un secondo momento. Puoi anche consigliare questo ad altri amici e familiari che lottano con la perdita, in particolare quelli che sono emotivamente instabili o sensibili all'inizio, o quelli che sono forse troppo giovani per capire (questo è particolarmente importante in quanto saranno anche ancora sviluppando le loro personalità e saranno più suscettibili alle turbolenze emotive).

complicazioni

La perdita non è sempre così netta come qualcuno che muore e tu vai avanti. In alcuni casi potresti aver dovuto vederli soffrire, o potresti vivere con qualcuno in coma o altrimenti trovarti in una specie di "limbo" che non ti lascia piangere in modo appropriato. A volte la morte può anche essere una liberazione per una persona e spesso ti sentirai in colpa nel crederlo. Ancora una volta, cerca di venire a patti con quello che è successo logicamente e cerca di ascoltare i tuoi dottori. Anche se sono vivi, concediti di piangere se ti sembra di aiutare.Tali complicazioni potrebbero significare che puoi anche trarre maggiore beneficio da un consulente, e dovresti cercare aiuto se hai difficoltà ad accettare ciò che sta accadendo.

Altre complicazioni, naturalmente, possono essere cose come le finanze, la volontà, gli effetti personali e il funerale - tutto ciò può ridurre il periodo di lutto e mettere ulteriore pressione su di te durante un periodo in cui sei più vulnerabile. Cerca di essere sicuro di ricevere tutto l'aiuto possibile e provare a considerarlo separato dal tuo lutto. A volte può sembrare "spiacevole" passare attraverso le cose di qualcuno dopo che sono morti, e potresti anche essere allarmato o turbato da ciò che trovi. Tuttavia questo è qualcosa che è una fase necessaria e dovresti vederlo come tale. Ricorda pure di perdonare amici e familiari per qualsiasi comportamento insolito in quanto è probabile che attraversi esattamente gli stessi sentimenti che hai a modo loro - andare d'accordo come meglio puoi è un tributo importante per la persona amata, e vorrà dire che tu non perdere più persone pure.

Tornando alla normalità

Alla fine dovrai tornare alla "normalità" e questa è la parte più importante dello stadio del dolore. Dopo alcuni giorni di pausa dal lavoro, è importante tornare alla vita quotidiana e rilassare delicatamente. Dite alla gente cosa è successo - sarete sorpresi di quanto possa aiutare a parlare - e questo significherà anche che all'inizio sono gentili e tolleranti. A volte puoi sentirti come se non volessi smettere di piangere o muoverti, perché può sembrare che siano persi per sempre. Comunque a un certo punto devi andare avanti lentamente, e questo non significa che tu li abbia dimenticati. Prova a guardare i funerali e la scia come un'opportunità per ottenere la chiusura e iniziare il periodo di recupero. Allo stesso tempo, se la chiusura non è stata imminente - come nel caso delle famiglie di pazienti in coma o persone scomparse - lanciare una specie di celebrazione simile della loro vita può essere un buon modo per tracciare una linea sotto quello che è successo e fare un patto con te stesso per iniziare a vivere la vita di nuovo.

Rispetta la loro memoria

Un altro motivo per cui è così importante affrontare le tue emozioni è che ti permetterà di tornare a loro con un senso di pace. Il pericolo è che tu eviti di pensare ai tuoi perduti per evitare il dolore, ma questo può significare che la loro memoria è persa o almeno "chiusa" a te. Se te li tengo in mente, questo è il più vicino possibile per mantenerli vivi, e alla fine inizierai a essere in grado di pensare a loro e sorridere, piuttosto che essere tormentato dalla tristezza e dal senso di colpa. Questo è il miglior tributo a loro e il modo migliore per aiutare gli altri, quindi cerca di arrivare a quel punto quando ti senti pronto.

Allo stesso tempo, molte persone possono ottenere conforto dal tenere in vita il ricordo della propria persona amata in diversi modi: indossando l'armonia, cercando di prendere le lezioni a bordo e agire in un modo di cui essere fieri, nominando amato quelli dopo di loro, o facendo loro tributi artistici. Molti libri e film sono dedicati ai cari degli autori e dei registi per questi motivi e questo è un ottimo modo per rendere omaggio e immortalarli, così come per venire a patti con i tuoi sentimenti per loro.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">