8 test di attacco cardiaco con immagini


Se stai vivendo i sintomi di un attacco di cuore e devi scendere al pronto soccorso, sai che sarai sottoposto a diversi test per confermare la diagnosi. Come spaventoso come un attacco di cuore è, molti pazienti sono ancora più spaventati dei test diagnostici e della chirurgia che possono seguire. Ma senza un intervento medico precoce, la morte potrebbe bussare alla tua porta - in pochi minuti, ore o persino giorni. È solo una volta che un infarto o un altro grave evento cardiaco viene confermato che il medico e il chirurgo cercheranno di portarti in sala operatoria. Prima devi sottoporti a test, che potrebbero anche rivelare che i tuoi sintomi non erano correlati a un evento cardiaco che richiede un intervento chirurgico.

Tipi di test

Esistono diversi metodi diagnostici che verranno utilizzati per:

  • Valutare il funzionamento del cuore.
  • Identificare le anomalie nel flusso sanguigno.
  • Isolare i danni al muscolo cardiaco o alle valvole.
  • Valutare gli effetti dei problemi cardiaci.

Questi test possono misurare l'attività elettrica o le sostanze chimiche dal cuore e utilizzare il suono, la radiazione o le onde elettromagnetiche per visualizzare il cuore. Alcuni di questi test sono non invasivi, il che significa che non richiede una pausa nella pelle per la valutazione, la valutazione o l'identificazione di un problema cardiaco. Altre procedure sono minimamente invasive quando un'iniezione di un colorante o l'introduzione di un catetere nel vaso sanguigno può essere necessaria attraverso una piccola apertura nella pelle.

I due test principali che sarebbero condotti immediatamente quando si raggiunge il pronto soccorso con l'accusa di un attacco di cuore in un elettrocardiogramma (ECG) e analisi del sangue valutare gli enzimi cardiaci. Altri test che possono essere effettuati successivamente includono:
  • ecocardiogramma
  • Stress ECG
  • Angiografia coronarica
  • Studi di imaging cardiaco: radiografia del torace, TAC cardiaco o risonanza magnetica cardiaca

Elettrocardiogramma

ecg

Il cuore ha la propria firma elettrica che può essere valutata per identificare eventuali problemi. Come un organo muscolare, il cuore viene attivato per contrarsi o rilassarsi con impulsi nervosi di natura elettrica. Il pacemaker naturale noto come nodo senoatriale (SA) genera questi impulsi e quindi viaggia attraverso il sistema di conduzione del cuore per causare un battito cardiaco coordinato.

Gli elettrodi posizionati sul petto possono misurare questi impulsi elettrici che si verificano nel tuo cuore in pochi minuti. In alternativa, il medico può consigliare il monitoraggio 24 ore su 24 con l'uso di un monitor Holter. Le anormalità nella lettura di un ECG possono essere dovute a una serie di problemi cardiaci e non solo a un infarto.

Test ematici di enzimi cardiaci

Qualsiasi lesione o danno al muscolo cardiaco provoca la fuoriuscita di alcuni enzimi e proteine ​​dalle cellule nel sangue. Questi enzimi cardiaci o marker cardiaci sono utili indicatori di problemi cardiaci come un attacco di cuore. Normalmente questi marcatori sono presenti in piccolissime quantità nel flusso sanguigno, ma un'ondata in qualsiasi marker è indicativa di un problema. Questi marcatori comprendono la creatinina chinasi (CK) e la creatinina fosfochinasi (CPK) che sono enzimi, così come le proteine ​​come la troponina I (TpI) e la troponina T (TpT). I livelli di questi marcatori cambiano nell'arco di alcune ore o giorni dopo un infarto. Viene prelevato un campione di sangue e inviato a un laboratorio per la valutazione e i risultati sono disponibili in poche ore.

ECG transesofageo

ecocardiogramma

Un ecocardiogramma è un altro test del cuore che utilizza le onde sonore per creare immagini del cuore. Può consentire al medico di valutare il modo in cui il cuore batte e valutare il flusso di sangue attraverso il cuore. I risultati di un ecocardiogramma indicano eventuali anomalie del muscolo cardiaco, la sua capacità di pompare il sangue, la disfunzione delle valvole cardiache e la dimensione del cuore.

Esistono due tipi di ecocardiografia che possono essere eseguiti. Uno è l'ecocardiogramma transtoracico in cui il trasduttore viene posizionato sulla parete toracica per produrre immagini del cuore. L'altro è un cardiogramma transesofageo in cui una sonda contenente il trasduttore viene posizionata lungo l'esofago (tubo di cibo).

Stress ECG

stress ecg

Un ECG da sforzo è un elettrocardiogramma in cui le letture vengono prese mentre una persona sta esercitando. È quindi noto anche come un ECG da sforzo. Il medico posizionerà gli elettrodi sul petto e camminerà su un tapis roulant. Di solito non è condotto su un paziente con un attacco di cuore, ma è utile per diagnosticare malattie che possono portare ad un attacco di cuore.

In alcuni stati, l'attività elettrica può sembrare normale nei periodi di riposo o anche con una lieve attività fisica, ma una volta aumentata la domanda sul cuore, possono manifestarsi anomalie. Camminare su un tapis roulant aumenta la richiesta cardiaca e in questo modo diventano evidenti problemi cardiaci come la coronaropatia (CAD) e le aritmie.

Angiogramma coronarico

angiografia coronarica

L'angiografia coronarica è uno dei test di infarto più invasivi. Iniettando una tintura nelle arterie coronarie, i vasi che portano il sangue al muscolo cardiaco, e quindi visualizzandolo su una radiografia, il medico è in grado di valutare il grado di restringimento. La malattia coronarica è uno dei principali fattori di rischio per avere un attacco di cuore e si verifica quando le arterie coronarie si restringono.

Un catetere viene inserito nell'arteria al braccio o alla coscia e diretto alle arterie coronarie del cuore. Il colorante visibile ai raggi X viene quindi iniettato nel catetere mentre le immagini a raggi X del cuore vengono prese per vedere le arterie coronarie.

Imaging cardiaco

Sia l'ecocardiogramma che l'angiografia coronarica sono studi di imaging cardiaco che sono solitamente le opzioni preferite per diagnosticare un infarto o altri problemi cardiaci. Ci sono anche altri studi di imaging che possono essere utilizzati anche quando si sospetta un attacco di cuore.Questo include una radiografia del torace, una tomografia cardiaca (tomografia computerizzata) o una risonanza magnetica cardiaca (risonanza magnetica).

Radiografia del torace

Parti di una radiografia del torace

Una radiografia del torace non è il miglior studio di imaging per condurre un sospetto infarto. Ma è ampiamente disponibile e abbastanza economico rispetto ad altri studi di imaging. Una radiografia del torace può mostrare un cambiamento nelle dimensioni del cuore e dei vasi sanguigni. Qualsiasi raccolta di liquido nei polmoni può anche essere evidente su una radiografia del torace. Non può identificare in modo definitivo un attacco di cuore, ma questi risultati possono quindi spingere un medico a condurre indagini diagnostiche più specifiche.

CT cardiaco

Una scansione TC cardiaca (tomografia computerizzata) utilizza un dispositivo di grandi dimensioni che si muove attorno al corpo per scattare più immagini a raggi X del cuore da diverse angolazioni. Raccogliendo queste immagini, si può formare un'immagine tridimensionale (3D) del cuore. A volte viene introdotto un colorante a contrasto nelle arterie coronarie e successivamente viene eseguita una scansione TC cardiaca. Questo tipo di test è noto come angiografia coronarica CT in cui le arterie coronarie sono evidenziate sulle immagini 3D del cuore.

Risonanza magnetica cardiaca

risonanza magnetica cardiaca

Una risonanza magnetica cardiaca (risonanza magnetica) utilizza onde radio e un campo magnetico per formare immagini 3D del cuore da più angolazioni. È una procedura non invasiva che non richiede l'iniezione di alcun colorante o l'inserimento di sonde all'interno del corpo. Anche le radiazioni ionizzanti non vengono utilizzate come nel caso di raggi X, angiografia coronarica o TC cardiaca.

Una risonanza magnetica cardiaca può creare immagini statiche e in movimento del cuore così come i grandi vasi sanguigni che si collegano al cuore. Quando sono necessarie immagini più dettagliate delle arterie coronarie, un colorante contratto noto come gadolinio può essere iniettato nelle vene. Una risonanza magnetica è migliore per visualizzare i tessuti molli mentre i raggi X forniscono immagini più dettagliate di strutture come le ossa a meno che non venga utilizzato un colorante a contrasto nell'area target.


Link A Importanti Pubblicazioni
">
">